Pagamento con carta: tutti i siti Ewiva dove è attivo

In oltre 100 stazioni di ricarica ad alta potenza Ewiva sarà possibile pagare la ricarica della propria auto elettrica con carta di credito/debito direttamente alla colonnina. Si amplia così il progetto innovativo firmato Ewiva.

 

Avviata a marzo 2023 nella stazione HPC – High Power Charging – di Ceprano (FR), la funzionalità che consente di pagare la ricarica del proprio veicolo elettrico con carta di credito o debito è ora disponibile in 113 siti Ewivapiù di 400 punti di ricarica (PoC) – su tutto il territorio nazionale, in linea con la normativa AFIR (Alternative Fuels Infrastructure Regulation) della Commissione Europea.

 

Quali circuiti sono abilitati per il pagamento?

Il servizio prevede la possibilità di pagare direttamente alla colonnina Ewiva in modalità contactless attraverso carte di debito, credito o prepagate dei circuiti Mastercard, Visa, Vpay e Maestro, o tramite Apple Pay e Google Pay.

 

In questo modo Ewiva garantisce la ricarica del proprio mezzo elettrico anche a clienti occasionali, come ad esempio ai turisti, a chi ha attivato un noleggio a breve termine di un veicolo elettrico o a tutti coloro che non possiedono già un abbonamento con un fornitore di servizi di ricarica (MSP). Ricaricare e pagare tramite uno di questi metodi direttamente presso le stazioni Ewiva elencate di seguito ha un costo di 0,95 €/kWh IVA inclusa.

 

Dove trovo le stazioni Ewiva in cui è possibile pagare con carta?

Ecco l’elenco dettagliato con gli indirizzi delle oltre 100 stazioni Ewiva in cui è possibile ricaricare l’auto elettrica pagando con carta, suddiviso per regioni:

 

Piemonte
– Via Giovanni Coppo – Casalino (NO)
– Corso Casale, 319 – Asti 
– Viale San Martino – Casale Monferrato (AL)
– Via Margarita – Cuneo
– Viale dei Campionissimi, 11-7 – Novi Ligure (AL)
– Centro Commerciale “Oasi”, Strada Provinciale per Viguzzolo, 2 – Tortona (AL)
– Golf Club Cavaglià, Via Santhia 75 – Cavaglià (BI)
– Parcheggio Piazza Merlo – Caselle Torinese
– Centro Commerciale Mondovicino – Mondovì (CN)
Via Borgomanero, 46/c – Paruzzaro (NO)
– Via Giovanni Coppo 1b – Orfengo (NO)
– Via Fortunato Postiglione, 45 – Moncalieri (TO)
– Centro Commerciale del Canavese – Banchette (TO)
– Centro Commerciale Le Fornaci – Beinasco (TO)
– Piazza della Repubblica – Susa (TO) 
– Hotel Rondissone, Via XX Settembre 96A – Rondissone (TO)
– Centro Commerciale Carmagnola – Carmagnola (TO)
– Leroy Merlin Collegno, Via Nazioni Unite 8 – Collegno (TO)
– Le Isole Shopping Center – Gravellona Toce (VC)
– Albergo L’Angolo, Via Torino, 3 – Carisio (VC)
– Piazza Assone – Albiano D’Ivrea (TO)
– Mercatò Extra Alba San Cassiano, Corso Europa, 150– Alba (CN)

 

Lombardia
– Piazzale Gobetti, 66 – Como
– Via Guida, 4 – Soresina (CR)
– Via Marche, 6 – Cantù (CO)
– Via Don Sfondrini 22 – Ospedaletto Lodigiano (CR)
– Centro Commerciale Cremona 2, Via Mantova 100 – Gadesco (CR)
– Via Giuseppe Garibaldi, 37 – Rezzato (BS)
– Via Madre Teresa di Calcutta – Gonzaga (MN)
– Coop, Via S. Francesco D’Assisi 39- Opera (MI)
– Coop, via Cecilio 4 – Como
– Coop, Via Borghetto 75 – Desio (MB)
– Coop, Via Benozzo Gozzoli 117 – Milano
– Via Amoretti, 1 – Milano
– Leroy Merlin Caponago, Via Galileo Galilei 11 – Caponago (MB)
– Via Alcide De Gasperi 1 – Bareggio (MI)
– Via Juan Manuel Fangio – Lainate (MI)
– Via Marchesi, 4 – Corsico (MI)
– Via Marco Biagi – Bagnolo San Vito (MN)
– Via del commercio – San Giorgio Bigarello (MN)
– Via E. Berlinguer, 79 – Pegognaga (MN)
– A35 BreBeMi – Area di Servizio Adda Sud
– Via Sandro Pertini, 36 – Castrezzato (BS)
– Via Piersanti Mattarella, 9-3 – Trezzo sull’Adda (MI)
– A35 BreBeMi – Area di Servizio Adda Nord

 

Friuli-Venezia Giulia
– Via Pietro Micca 10 – Ronchi dei Legionari (GO)
– Area parcheggio pubblica, Via Pierino Celetto – Gemona del Friuli (UD)

 

Veneto
– Via Adriano Olivetti, 47 – Roncade (TV)
– Via Monte Ortigara, 58 – Trevignano (TV)
– Area Commerciale River, Via Dott. F. Garofoli, 260 – San Giovanni Lupatoto (VR)
– Villa Quaranta Park Hotel, Via Ospedaletto 57 – Pescantina (VR)
– Via Provinciale 19 – Campo San Martino (PD)
– Al Pentolone, Via Filzi 6a- Albignasego (PD)
– DoubleTree by Hilton Hotel Venice – North, Via Bonfadini – Mogliano Veneto (TV)
– Area di Servizio, Via Mediana – Nogarole Rocca (VR)
– Via Kennedy, 6 – Spinea (VE)
– Torri di Quartesolo – Via Pola 15, Quartesolo (VI)

 

Liguria
– Lungomare Cristoforo Colombo, 6 – Ospedaletti (IM)
– Area parcheggio, Via della Repubblica – Arcola (SP)
– Località Malpasso – Millesimo (SV)

 

Emilia-Romagna
– Via della Costituzione, 28/91 – Faenza (RV)
– Strada Bobbiese, 45 – Piacenza
– Via Travaglini Manlio, 21 – Ravenna 
– Via Enrico Mattei – Cortemaggiore (PC)
– Via Carlo Urbani – Noceto (PR)
– Via Rosario Livatino, 2 – Reggiolo (RE)
– Via della Cooperazione – Gatteo (FC)
– Via del Commercio – Castel Guelfo di Bologna (BO)
– Via Cà Ricchi – San Lazzaro di Savena (BO)
– Via Rita Levi Montalcini – Fidenza (PR)
– Via Faentina, 145 – Ravenna (RA)
– Viale dell’Industria, 19/F – Castel San Giovanni (PC)
– Rosa Luxemburg, 210 – Cesena (FC)
– Via Solferino, 68 – Ramiola (PR)
– Via Luigi Einaudi, 7 – Mercato Saraceno (FC)

 

Toscana
– Area Servizio Valdera, SGC Firenze – Pisa – Livorno – Pontedera (PI)
– Piazza Amendola, 2 – Reggello (FI)
– Asmana Wellness World – Campi Bisenzio (FI)
– S.da Regionale 69 – Ciliegi (FI)
– Via del Lago, 43 – Barberino di Mugello (FI)
– Via Origlio – Capalbio (GR)
– Via Fausto Coppi, 1 – Siena (SI)
– Via Senese Aretina 201 – Sansepolcro (AR)

 

Lazio
– Via Rebecchini, 39 – Roma
– Via Appia Nord, 41 – Cisterna di Latina (LT)
– Via della Foce Micina – Fiumicino (RM)
– Via Antonio Siligato, 9 – Civitavecchia (RM)
– Via Casilina, 38 – Colleferro (RM)
– Via Ostiense 131 – Roma
– Comune di Ferentino, via Casilina 290 – Roana (FR)
– ENI Station Orte, Orte, SS675 KM 40 – Bassano in Teverina (VT)
– Via Greve, 88 – Roma
– Via Tiberina, 13 – Fiano Romano (RM)
– Centro Commerciale Parco dei Medici, via Salvatore Rebecchini 39 – Roma
– Via Flaminia, 871 – Roma
– Via Caragno, 12 – Ceprano (FR)
– Via Vespasiano – Aprilia (LT)
– Via Giuseppe Lombardo Radice, 41 – San Cesareo (RM)
– S.da Statale 1 Aurelia km 107, 430 – Montalto di Castro (VT)
– Via del Mare, 20 – Pomezia (RM)

 

Marche
– Via Costantino Rozzi, 10 – Ascoli Piceno 
– Via Malintoppi 7 – Fermo (FM)
– Via Arezzo 11 – Folignano (AP)
– S.da Statale 77, km 104 – Civitanova Marche (MC)
– Via Luigi Einaudi, 2A – Fano (PU)

 

Abruzzo
– Via Le Mainarde, 31 – Pescara 
– Via Aldo Rossi, 1 – Montesilvano (PE)
– Via della Pace, 61 – Mosciano Sant’Angelo (TE)
– Via Giovanni Gentile – Teramo (TE)
– Contrada Molino – Casalbordino (CH)
– Via Raffaele Paolucci, 8 – L’Aquila (AQ)

 

Umbria
– Contrada della Stazione 53/55 – Fabro (TR)
– Via Antonio Gramsci – Corciano (PG)
– Via Martiri delle Foibe – Todi (PG)
– Via Tiberina, 44b – Deruta (PG)

 

Campania
– Distributori Papa LNG – Via Pagliarella, San Vitaliano (NA)
– SECI Campus Impresa – via Giulio Pastore, 24, Salerno (SA)
– Parcheggio Via Gandhi 154, Pomigliano d’Arco (NA)
– Via delle Repubbliche Marinare, 192, Napoli (NA)
– Via Leonardo Da Vinci, 12, Marcianise (CE)

 

Puglia
– Via Lagomagno 71 – Gioia del Colle (BA)
– Via Pietro Sette, 1/l – Bari (BA)
– Via Paolo Aquilino, 1 – Bari (BA)
– S.da Statale 16 Adriatica 55 – Apulia (BA)
– Via Giuseppe Leone 224 – Zona P.i.p. (LE)
– SS16 Maglie Otranto Km 986 – Muro Leccese (LE)
– Viale Chiatona – Palagiano (TA)

 

Calabria
– IP Tarsia Nord – f.lli Arnone – Rossillo (CS)
– Villaggio Hotel Costa Sybaris – Contrada Bruscata Grande, 1, Cassano allo Ionio (CS)
– Hotel Lo Svincolo – S.da Statale 18d, Falerna Marina (CZ)
– Parco Commerciale “i Fiori” – Crotone (KR)
– Bar Tabacchi Ristorante Levato – S.da Statale 106 Jonica, Steccato di Cutro (KR)
– Fellini Bar Pizzeria – Francavilla Angitola (VV)

 

Sardegna
– Strada Statale 130 – Musei (SS)
– Viale Basa – Olbia
– Viale Monastir – Cagliari
Q8 – Giave (SS)

 

Sicilia
– Strada Statale 114 – Melilli (SR)
– Aeroporto di Palermo Falcone e Borsellino
– Via Aldo Moro, 305 – Ragusa 
– Viale dei Lidi, 437 – Siracusa
– Strada Marsala 173 – Misiliscemi (TP)
– Via Firenze, 4 – Milazzo (ME)
– Area di Servizio Lukoil, SP701 Asse dei servizi – Catania
– Maxi Store Decò, Via Pergusina – Enna 
– Via Ciachea – Carini (PA)
– Autostrada CT-SR,
Area Servizio Priolo Ovest
Centro Commerciale Parco Corolla, Via Firenze, 4 – San Filippo del Mela (ME)
Via Eurako, 1 – Termini Imerese (PA)

8 marzo: 3 donne che hanno fatto la storia del viaggio in auto

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, Ewiva ha scelto di ricordare le vicende di tre donne che in maniera diversa hanno segnato per sempre la storia dell’automobile. Per decenni il binomio donne e motori è stato accompagnato da pregiudizi e stereotipi privi di fondamento. Eppure, fin dai suoi albori, le donne hanno dato un contributo decisivo allo sviluppo tecnologico del settore dell’auto e della mobilità attraverso invenzioni, che ancora oggi sono componenti fondamentali in tutti i modelli di auto, o con imprese pionieristiche di grande ispirazione che sono un manifesto alla parità di genere.

 

 

Mary Anderson e l’invenzione del tergicristallo

Originaria dello stato dell’Alabama, nonché dotata di uno spirito di osservazione molto acuto ed una vivace intraprendenza che l’ha portata a diventare imprenditrice, Mary Elizabeth Anderson è l’inventrice del tergicristallo.

Nel 1903, durante un viaggio a New York, si accorse che gli automobilisti facevano fatica a guidare quando pioveva o nevicava, in quanto costretti a fermarsi di continuo per pulire il parabrezza; proprio da qui, ebbe l’intuizione di creare un oggetto in grado di pulire il vetro per rendere la guida più facile e sicura. Con l’aiuto di un designer progettò la prima versione del tergicristallo, che consisteva in un semplice braccetto meccanico a cui era agganciata una spatola di gomma che si azionava con una leva dall’interno dell’abitacolo.

Mary Anderson depositò il brevetto di questa geniale invenzione, e dopo pochi anni le case automobilistiche iniziarono a installare il tergicristallo sulle automobili, rendendolo nel tempo un oggetto indispensabile se non addirittura imprescindibile.

Questa innovazione ha migliorato notevolmente l’esperienza di guida, contribuendo a ridurre gli incidenti stradali causati dalla scarsa visibilità. Mary Anderson, grazie alla sua genialità e caparbietà, ha legato per sempre il suo nome alla storia dell’automobile e del viaggiare in modo sicuro.

 

Margaret Wilcox e la comodità dell’abitacolo

Se l’abitacolo delle nostre auto è oggi un luogo di comfort lo dobbiamo anche all’invenzione di Margaret Wilcox, che già nel 1893 arrivò a brevettare un sistema per riscaldare l’interno delle vetture. L’ingegnere di origine americana, tra le prime donne dell’industria automobilistica dei tempi, progettò una camera di combustione posta sotto l’auto che sfruttava il calore del motore per riscaldare dell’acqua presente al suo interno. Un sistema di tubi faceva circolare l’acqua calda sotto l’abitacolo, rendendo la vettura più accogliente nei giorni più freddi. L’invenzione, tuttavia, presentava un limite di fondo, ovvero non integrava un sistema di regolazione del calore: quindi, più il viaggio era lungo e più la temperatura aumentava. Anche per questo, all’inizio, la sua invenzione fu accolta con scarso interesse: nessuno decise di investire in questa idea, e Margaret Wilcox morì nel 1912 senza riuscire a vederla realizzata nemmeno su una vettura. Nel 1929, sulla base del suo brevetto, una casa automobilistica americana perfezionò il sistema aggiungendo la possibilità di regolare la temperatura e mise in commercio la prima vettura al mondo dotata di un sistema di riscaldamento dell’abitacolo. Margaret Wilcox, con la sua intuizione, ha dato un contributo decisivo all’industria dell’automobile consentendo di viaggiare in modo confortevole.

 

 

Clärenore Stinnes e il giro del mondo in auto

Clare Eleonore Stinnes, la prima persona a compiere il giro del mondo in auto, è nata nel 1901 in una famiglia di imprenditori tedeschi; intraprendente e appassionata di motori, ha intrapreso con successo la carriera di pilota di auto corsa in un periodo dove vedere una donna al volante era tutt’altro che scontato. La sua grande impresa inizia nel 1927, quando decide di intraprendere un viaggio in auto intorno al mondo accompagnata dal fotoreporter svedese Carl-Axel Söderström, da due meccanici e dal suo cane Lord. Partono da Francoforte verso est, attraversando i Balcani, la Siberia e il Deserto del Gobi per arrivare a Pechino. Il gelo, i guasti e altre innumerevoli avversità affrontate in questa prima parte del viaggio spingono i meccanici ad abbandonare l’impresa. Clärenore e Carl proseguono il loro viaggio da soli attraverso il Giappone per poi imbarcarsi a bordo di una nave che li porterà in America. Percorrono il Sudamerica affrontando le impervie strade delle Ande e la trappola delle sabbie mobili, per poi risalire verso Nord fino a raggiungere New York. Qui si imbarcano di nuovo per tornare in Europa entrando a Berlino dopo oltre due anni di viaggio e 46.758 chilometri percorsi completando così, prima persona nella storia, il primo giro del mondo in automobile.

7 buoni motivi per scegliere la mobilità elettrica

Ci sono tanti ottimi motivi per abbracciare il cambiamento e scegliere la mobilità elettrica: ne scopriamo sette insieme a Luigi Antonio Poggi, Head of Marketing & Sales, Strategy, Communications di Ewiva.

 

Prima di adottare un cambiamento, di stile di vita, abitudini o modo di pensare che sia, spesso si affrontano dubbi e paure, ecco perché è tutto più facile se si hanno ottime ragioni per decidere di cambiare!
In occasione dell’evento di lancio di Ewiva, che si è tenuto il 13 dicembre 2022 a Roma, Luigi Antonio Poggi, Head of Marketing & Sales, Strategy, Communications, ha elencato non una, ma ben sette buone ragioni per essere “happy to change”, felice di cambiare e passare alla mobilità elettrica. Sette buone ragioni che vedono Ewiva impegnata in prima linea nella creazione della più grande rete di ricarica ultra-veloce in Italia, aperta a tutte le auto elettriche, dotata di infrastrutture flessibili e diffusa su tutto il territorio.

 

 

Quali sono i 7 motivi per essere felici di scegliere di guidare elettrico

I buoni motivi per essere felici di cambiare il proprio modo di muoversi riguardano innanzitutto il pianeta: elettrificare la mobilità significa infatti ridurre drasticamente le emissioni climalteranti (-70% su tutto il ciclo di vita “well-to-wheel”, cioè dalla produzione dell’elettricità all’uso del veicolo, rispetto alle emissioni di CO2 prodotte da auto a motore endotermico, considerando il mix di generazione elettrica attuale in Europa – fonte IPCC) e soprattutto annullare le emissioni locali tipiche della combustione, gravemente nocive per le persone, gli animali e l’ambiente, nonché abbattere l’inquinamento acustico.

Mobilità elettrica significa utilizzare nel modo più efficiente possibile le energie rinnovabili garantendo uno strumento in più per abilitarne una maggiore penetrazione nel mix nazionale e, in generale, mobilità elettrica significa enormi opportunità per la filiera industriale italiana. Significa confort, sicurezza, stabilità e piacere nella guida, ma anche convenienza economica, se pensiamo non solo al costo d’acquisto, ma al costo di possesso (costo d’acquisto + costo d’utilizzo), e molto altro ancora.
Guarda il video della registrazione dello speech di Luigi Antonio Poggi per conoscere tutti e 7 i motivi per essere felici di cambiare.
 

 
Felicità e mobilità elettrica possono diventare un binomio inscindibile e, grazie ad Ewiva, le persone saranno davvero “felici di cambiare” e scegliere l’elettrico, accelerando così un cambiamento collettivo e il raggiungimento del traguardo Zero Emissions.